Image
Image

In Evidenza

L'editoriale

Possiamo e DOBBIAMO fare TUTTI di più!

ll segnale DI AIUTO viene eseguito tenendo la mano in alto con il pollice piegato nel palmo, quindi piegando le altre dita verso il basso, intrappolando simbolicamente il pollice tra le dita.

Per non Dimenticare

Fernando Stefanizzi
Carabiniere Scelto M.O.V.M. alla "memoria", nato a Muro Leccese (LE) il 1° febbraio 1957 - deceduto San Damiano d'Asti (AT) l' 08 febbraio 1988.

Alla sua memoria è intitolata, dal 04 aprile 2013, la Caserma sede del Comando Stazione Carabinieri di San Damiano d'Asti (AT).
 
Fu insignito della Medaglia d'Oro al Valor Militare con la seguente motivazione: "Nel corso di un servizio antirapina, interveniva intrepidamente all'interno di un Ufficio Postale in aiuto del proprio Comandante di Stazione sopraffatto da due rapinatori armati. Pur conscio di esporsi a gravissimo rischio, tentava di bloccare i malviventi senza ricorrere all'uso delle armi per salvaguardare l'incolumità del superiore. Fatto segno a repentina azione di fuoco da parte di uno dei criminali, benchè mortalmente ferito, raccoglieva le residue energie in un estremo tentativo di reazione armata. Fulgido esempio di insigne coraggio, nobile altruismo ed elevate virtù militari".

San Damiano d'Asti (AT), 8 febbraio 1988.
Salvo D'Aquisto

Nasce a Napoli il 15 ottobre 1920. Nel 1939 diventa carabiniere, dopo aver frequentato la scuola Allievi carabinieri di Roma. Nel 1943, dopo l’8 settembre, è impiegato presso la caserma di Torrimpietra, alla quale era stato assegnato un anno prima, nel 1942. In quel periodo alcuni paracadutisti tedeschi si stanziano vicino alla caserma, in una zona abbandonata precedentemente occupata dalla Guardia di Finanza.

Il 22 settembre 1943, durante un’esplorazione di case abbandonate, una bomba a mano scoppia uccidendo due soldati tedeschi e ferendone altri due. È probabile che l’incidente sia stato provocato dagli stessi tedeschi maneggiando del materiale bellico in modo incauto, ma i nazisti incolpano ignoti attentatori locali, e chiedono alla caserma di Torrimpietra aiuto nelle indagini. Nel farlo, danno anche una scadenza: i carabinieri hanno tempo fino all’alba per indagare, dopodiché scatterà una rappresaglia. Nella caserma di Torrimpietra il maresciallo comandante in quel momento è assente, e al comando c’è Salvo d’Acquisto, che prende in carico il caso e inizia a indagare. All’alba conferma ai soldati tedeschi i suoi sospetti: non c’è nessun attentatore locale, si è trattato di un incidente. Ma la versione dei fatti non viene accettata, e la rappresaglia scatta.

Vengono scelte a caso e rastrellate 22 persone fra gli abitanti della zona. Tutti i prigionieri e Salvo d’Acquisto vengono condotti nella piazza principale del paese. Gli ostaggi vengono portati vicino alla Torre di Palidoro e costretti a scavare le proprie fosse: al termine dell’operazione avverrà la fucilazione. Salvo d’Acquisto chiede di poter parlare privatamente con l’ufficiale tedesco presente sul posto, servendosi di un interprete. Al termine della conversazione i prigionieri vengono liberati, e il vice brigadiere resta da solo nella fossa.

L’autoaccusa di Salvo d’Acquisto è stata considerata un grande atto di eroismo che ha valso al carabiniere ventiduenne la medaglia d’Oro al Valor Militare e la canonizzazione iniziata nel 1983 per cui la chiesa cattolica lo ha nominato Servo di Dio

Le sue spoglie, riportate a Napoli nel 1947 e tumulate presso il sacrario militare di Posillipo, si trovano oggi nella Basilica di santa Chiara a Napoli.

7 ottobre 1943. La deportazione dei Carabinieri romani
Ogni giorno abbiamo conferme che, per affrontare le sfide del futuro, servono risposte sempre nuove, basate su competenze specialistiche aggiornate. Qualsiasi soluzione, però, deve basarsi anche su valori, che sono immortali, senza tempo. Sono valori etici che trovano la loro più chiara esemplificazione in personaggi o fatti del passato. In questa nuova collaborazione con questa prestigiosa rivista, proverò periodicamente a ricordare un fatto o un esempio del Passato, che indica ancora oggi una Virtù o un Valore da coltivare, perché senza Memoria non c’è Futuro.
 
Per iniziare, gradirei ricordare la determinazione e il sacrificio di migliaia di uomini, che furono deportati dai nazisti esattamente 80 anni fa. Non fu una deportazione basata su discriminazioni razziali, ma fu una scelta chiara tattica dei tedeschi. Il 7 ottobre migliaia di carabinieri italiani furono deportati per consentire la successiva cattura degli ebrei romani. Dopo l’occupazione nazista di “Roma Città Aperta” del 10 settembre 1943, il colonnello Kappler, capo delle forze di occupazione nazista a Roma, ricevette l’ordine di catturare gli ebrei, come avvenuto in altre città europee. L’operazione, che si sarebbe concretizzata con il rastrellamento del Ghetto ebraico, era prevista per il 25 settembre 1943. L’azione fu, però, posticipata, per un motivo semplice: occorreva prima neutralizzare i Carabinieri. Infatti, dopo aver arrestato Mussolini il 25 luglio 1943 su ordine del re, i militari dell’Arma avevano dimostrato in concreto la loro poca fedeltà al fascismo. I tedeschi, poi, proprio alcuni giorni prima, avevano visto i Carabinieri combattere a fianco dei rivoltosi, nelle famose “quattro giornate di Napoli” (27-30 settembre 1943). Per questo, si doveva evitare che i Carabinieri combattessero contro i tedeschi nella Capitale, come avvenuto a Napoli. Si pensi che, proprio in quei giorni, uno degli ufficiali che avevano arrestato il duce, il Capitano Raffaele Aversa, poi fucilato alle Fosse Ardeatine il 24 marzo 1944, diceva ai suoi uomini: “Siamo rimasti solo noi Carabinieri a fronteggiare gli eccessi dei tedeschi ai danni della popolazione che abbiamo il dovere di proteggere anche se non ci sono stati impartiti specifici ordini. Per questo, nessuno di noi, deve abbandonare il suo posto”.
 
La lettura degli archivi americani e la desecretazione dei messaggi riservati tra Kappler e Berlino ci fanno sapere cosa i nazisti pensavano dell’Arma. In un telex del 30 agosto1943, riferendosi ai Carabinieri, Kappler scriveva: “anche se svolgono funzioni di polizia, obbediscono ad ordini militari, dal nostro punto di vista sono da considerarsi inaffidabili”. Il 20 settembre, riferiva: “gli amici della Germania segnalano il crescente odio dei Carabinieri che sono la fonte di quasi tutta l’animosità contro i tedeschi”.
 
Di conseguenza, l’ordine di rastrellamento del Ghetto ebraico, datato 25 settembre, fu differito al 16 ottobre: occorreva prima neutralizzare i Carabinieri, per evitare che l’Arma ostacolasse la cattura degli ebrei.
 
Con la direttiva n. 269 datata 6 ottobre 1943 (foto in fondo), il Ministro della Difesa Nazionale Rodolfo Graziani ordinò, entro la notte stessa, il disarmo dei Carabinieri Reali in servizio alle Stazioni della Capitale e la loro contestuale consegna in caserma. Anche le unità naziste ricevettero le stesse disposizioni in gran segreto il 6 ottobre.
 
Fu così che all’alba del 7 ottobre ‘43, le SS circondarono le caserme dei Carabinieri di Roma, bloccandone all’interno tutti i militari che, ignari, furono subito disarmati. Molti Carabinieri riuscirono a scappare ben prima che l’operazione di rastrellamento fosse conclusa. Altri, impegnati in pattuglie, non avevano avuto la possibilità di sottrarsi all’accerchiamento, ma erano riusciti ad allertare i colleghi così facendoli allontanare prima che le caserme fossero occupate.
Furono catturati oltre 2 mila Carabinieri in servizio nella Capitale, forse fino a 2.500, come riportano proprio i registri tedeschi (il numero è incerto dal momento che i nazisti bruciarono tutti gli archivi delle caserme dell’Arma occupate). I militari italiani furono rinchiusi, per tutta la notte, nelle caserme più grandi, sotto la custodia dei nazisti che avevano l’ordine di far fuoco contro chiunque tentasse di evadere. Molti militari riuscirono per fortuna a dileguarsi, spesso portando le armi con loro, grazie a tempestive segnalazioni di amici dell’Arma che, pur consapevoli dei rischi, in molti casi li aiutarono a trovare un nascondiglio.
 
Il giorno dopo, l’8 ottobre, i militari trattenuti vennero avviati alle stazioni ferroviarie Ostiense e Trastevere, dove furono fatti salire su treni merci diretti a Nord. Per tranquillizzarli fu fatta circolare la falsa notizia che sarebbero scesi a Fidenza per essere impiegati nei territori del Nord Italia. In realtà, tutti i Carabinieri catturati furono deportati in campi di lavoro o di internamento in Austria, in Germania e in Polonia, da dove oltre 600 non tornarono più e gli altri riuscirono a fare ritorno soltanto dopo lunghi mesi di sofferenze e stenti, non venendo nemmeno riconosciuti come prigionieri di guerra.
Dopo aver eliminato la minaccia proveniente dall’Arma, otto giorni dopo, all’alba di sabato 16 ottobre 1943 i tedeschi rastrellavano il ghetto di Roma. Gli ebrei residenti a Roma erano certamente ben più dei 1200 che sarebbero stati bloccati quella mattina. In migliaia si erano messi al sicuro ben prima del 16 ottobre, anche grazie ai Carabinieri che avevano rallentato il piano nazista di oltre due settimane. L’Arma dei Carabinieri e la comunità ebraica a Roma avevano avuto una sorte simile. Il 7 ottobre 1943 venivano deportati oltre 2000 Carabinieri: alcuni sarebbero stati uccisi, molti sarebbero morti di fame, malattia e maltrattamenti. Il 16 ottobre oltre 1200 ebrei venivano portati via treno – in grandissima parte (ben 1023) – direttamente ad Auschwitz, da dove solo in sedici (15 uomini e una donna) sarebbero usciti vivi. Il sacrificio di quegli uomini, i cui nomi non sono tutti giunti sino a noi, non va dimenticato. Anche sul loro sacrificio è rinata una nuova Europa, che non può e non deve dimenticare il suo passato

IL S.I.U.L.CC nasce ..........

...dalle idee condivise di un gruppo che si prefigge un progetto ambizioso, quello di mettere al centro la figura del CARABINIERE/MILITARE/LAVORATORE. La nostra APCSM aiuta/supporta/sostiene TUTTI gli iscritti nel loro percorso lavorativo attraversato da quotidiane difficoltà. Assicuriamo ai nostri associati: disponibilità, serietà, competenza, moderazione ed equilibrio. Conduciamo l'attività sindacale secondo la normativa vigente ed in sinergia con l'amministrazione attraverso gli Uffici competenti del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Il nostro obiettivo è quello di sostenere i propri associati nell'attività lavorativa, affinché i LAVORATORI possano operare consapevoli degli strumenti normativi che il legislatore ha introdotto con la recente legge 46/2022. Puoi essere anche Tu protagonista di questo progetto con la tua iscrizione e/o con partecipazione attiva al SIULCC. Per qualsiasi informazione tramite sito www.siulcc.it o mail: siulcc@siulcc.it ***Dirigenti Siulcc*****
Se sei un iscritto SIULCC per sfruttare al massimo i contenuti del sito devi fare il LOGIN . Per avere le tue credenziali riempi questo FORM
Image
Image
Image
Image

Assemblea Legione Palermo

Consulenza per causa di servizio ed equo indennizzo

Image

Consulenza personalizzata su stipendio e pensione

Image
Image
Il sindacato è impegno, è lotta, è tutela degli interessi di tutti, è non lasciare mai  solo nessuno, è uno x tutti e tutti x uno, è uno con l'aiuto di TANTI.
ma se poi facciamo, anche, che la tessera ..... si paga da sola
Usa le convenzioni che abbiamo attivato con varie aziende. Abbigliamento. Assistenza legale. Assicurazione. Prestiti. Informatica. Telefonia. Gastronomiche. Hai sconti che vanno dal 10 al 20 x 100 usando i COUPON che trovi nelle varie pagine. 
Image

B&B Reggio Calabria

Image
Image

Mini appartamenti Reggio Calabria

Image

Hotel Salina

...e poi c'è il CAF, affidati ai professionisti con cui abbiamo stipulato accordi 
...e poi c'è la Scuola
Image

Recupero anni scolastici

Image

Corsi Universitari

...Pillole

Non si perde mai, se non vinci...impari(g.v.)

Il mio sindacato è differente. Da noi questo non succedera mai

Image
Image

Il nuovo governo

Image